The health crisis fosters a lack of control in the employment situation of immigrants in Italy

Articles

Unfair dismissals, endless hours and lack of rigor in the management of reception centers: the migratory situation in Bologna as a reflection of the rest of Italy

Paralyzed by rampant unemployment and frustrated for being always the gateway to Europe for thousands of refugees in search of El Dorado, a great part of Italians voted in the 2018 general elections and in the 2019 European elections for the strongman of the extreme right -Matteo Salvini- . His motto: Italians first.

Bologna, being one of the few large cities with a local left-wing government, has become a laboratory for social policies to support migrants at the national level. The executive of Virginio Merola, from the Partito Democratico, has created various local policies during the pandemic with the intention of being of greater benefit to the migrant community of the city, as an online platform where directories and signs of necessary public services can be found.

According to studies on immigration carried out with Italians by the University of Siena, it is observed that a large majority of them believe that the country is unfairly treated in immigration matters by the EU. Broadly speaking, the view that Italians have of migrants varies with the improvement or worsening of the national economic situation.

The reality is not as simple as it seems. The CAS – Extraordinary Reception Centers – is one of the main institutions that determines the future of immigrants in Bologna. In the CAS Mattei, a former prison, they live about two hundred people divided into tiny rooms in groups of twelve. Some of them have only been in the country for a few months but others have been living there for years. Most of them work exploited by agencies and cooperatives in logistics warehouses, such as the Interporto in Bologna, or as riders for Glovo or Deliveroo. Others are jobless and see no prospects ahead. The conditions in which they live have been greatly aggravated by the pandemic: “We live in bedrooms, or containers, with little ventilation. The temperature is never measured, neither to the migrants nor to the operators who enter and leave the center continuously, day and night. We were tested only once and no action was taken despite many of us tested positive for Covid. We all live constantly exposed to the danger of contagion and we do not know if we will get vaccinated or when” they protest.

Many of them do not have a doctor or a tax code, so they do not have the opportunity to be treated properly. Those who go to the facility doctor then have to go to other health services paying for the treatment with their own pocket money, without the possibility of reimbursement or discounts. Those who do not work cannot even afford the bus ride to get to the hospital, making it impossible to receive adequate medical assistance.

Coordinamento Migranti, one of the platforms that has most supported the residents of the CAS in recent years, adds that the lack of resources and disorganization in reception centers is a problem very internalized in the Italian administration, even before the pandemic. “It is a continuous obstacle course for them. Residence permits, which are usually only useful for a year or less, arrive too late, when they are almost about to expire. And the administrative costs of these permits come out of the pocket of the migrants themselves. There is no help whatsoever. We also demand that everyone have the opportunity to attend training and Italian courses, since without them it is impossible for them to continue a life outside of these types of centers.” they claim.

Some residents also feel blackmailed by the center operators: “If we do not show up at the required time and day, the 75 euros per month to which we are entitled will be withdrawn. Every day in the camp there are episodes of racism. They often call us with our code instead of the name and enter our rooms to rummage through our backpacks and suitcases, while we are absent and without our knowledge. We are not slaves ”.

The inhabitants of Mattei -almost exclusively men- decided to shut themselves up in the center to claim their situation before the press and public administrations. The response of the Prefecture was the presentation of a new regulation by which those who earn more than 500 euros per month could be expelled from the center; since they consider this to be enough pocket money to start a life alone in Italy. However, this regulation ignores a government decree, Cura Italia, which guarantees migrants to stay in reception centers while the COVID emergency continues, even in the absence of requirements that allow them to remain in these. For their part, the directors of the Mattei center repeatedly denied all the accusations.

The COVID emergency has greatly disturbed the employment situation of the Mattei residents. More than 70% of those of working age work at the Interporto – Logistics Warehouse – in Bologna, where companies such as DHL, GLS or Yoox employ them on weekly or even daily 12-hour contracts. “We are caught in an endless exhausting cycle. Residence permits take months to arrive. With the excuse of the coronavirus, the Italian administration is making us pay permits that expire practically shortly after receiving them, so that we have to spend 500 euros again to request a new one ”, explains Hamid.

Edafe is Nigerian and has lived in Bologna for 6 years. Before the coronavirus crisis, he worked with a delivery company, but on February 28, 2020, he was fired claiming that he stole material from the shipments, when the culprits were other higher-ranking colleagues. “In the end, immigrants end up being racist among ourselves because of the treatment we receive from Italians. In the company, more than 90% of the workforce are immigrants, but the ones who are considered the worst are the black people”.

Shariful has been getting up at 5 in the morning for years to work at the Bologna Cooking School, but when the restaurant had to close its doors due to the health crisis, the owner had to close the School without prior notice. “I spend my time looking for work everywhere. I worked 2 days for DHL because they hired a lot of people at Christmas, and the working conditions of immigrants there are the worst I’ve seen in time. They know that there are hundreds of immigrants waiting desperately at their doors for contracts of just 7 days and they are making the most of the situation they can. I even know of colleagues who have been paid only half of the days worked. There are moments of racism continually; I don’t recommend it to anyone” he declares.

Immigrant women do not live a much more positive situation. Yoox is one of the best-regarded companies in Italy for the sale of signature clothing, and has one of the busiest areas of Interporto in Bologna. Last November, an ultimatum was made to all its employees – most of them immigrants – after they defended their right to have shifts that allowed them to take care of their children when they were unable to go to school: they took the imposed shifts from 5 a.m. to 11 p.m. or they could stay home and lose their jobs. Yoox believes that this is a free choice given to female workers, proposed to address the COVID emergency in the workplace. The company pretends not to see that practically all of its employees are women and migrants, that if they lose their jobs they run the risk of losing their residence permit or not being able to access citizenship, after years of sacrifice.

In Bologna, as in the rest of the cities of the country, the work to support immigrants is very deficient by the State due to the novelty of the migratory phenomenon and the lack of precise policies. That is why associations and NGOs become the place of refuge for immigrants who see their rights violated. Arca di Noé is one of the most active cooperatives, since it has many projects in collaboration with the Bolognese and European public entities: “The labor reality of migrants is very complicated with the coronavirus. No company wants apprentices because they no longer have the same income as before the crisis. They only hire refugees when there is some kind of public subsidy involved. Despite the efforts the administration is making to accommodate the needs of immigrants in these difficult times, much work remains to be done on the relationship between the two extremes. The disinterest and lack of organization for years on the part of the administration has generated animosity and skepticism in foreigners that is generating a gap that will be very difficult to solve ”they confess.

On the other hand, the novelty of the massive migratory phenomenon in il Bel Paese has promoted that many Italians are threatened by this reality. That is why some cooperatives such as the Bolognese Baumhaus have created projects to meet both communities, where they can meet and share in a more humane way than that fermented by far-right parties or the national media. “Migrant and Italian society are very fragmented. You rarely see an African person chatting quietly with an Italian, and it is this that promotes the clichés and unfounded hatreds. This is how we decided to create Connettiamoci, a series of meetings where both parties can express their opinions and share experiences related to their private lives and their vision of society. And the reception is being very positive. I think it should be something to develop throughout Italy. It would do us all a lot of good ” they propose from Baumhaus.


La crisi sanitaria favorisce la mancanza di controllo sulla situazione occupazionale degli immigrati in Italia

Licenziamenti illegittimi, orari interminabili e mancanza di rigore nella gestione dei centri di accoglienza: la situazione migratoria a Bologna come riflesso del resto d’Italia

Paralizzati dalla disoccupazione dilagante e frustrati per essere sempre la porta d’Europa per migliaia di profughi in cerca di El Dorado, gli italiani hanno votato alle elezioni generali del 2018 e alle europee del 2019 per l’uomo forte dell’estrema destra -Matteo Salvini-. Il suo motto: prima gli italiani.

Bologna, essendo una delle poche grandi città con un governo locale di sinistra, è diventata un laboratorio di politiche sociali a sostegno dei migranti a livello nazionale. L’esecutivo di Virginio Merola, del Partito Democratico, ha creato diverse politiche locali durante la pandemia con l’intento di essere di maggior beneficio per la comunità migrante della città, come piattaforma online dove trovare elenchi e indicazioni dei servizi pubblici necessari.

Secondo gli studi sull’immigrazione condotti con gli italiani dall’Università di Siena, si osserva che una grande maggioranza di essi ritiene che il Paese sia trattato ingiustamente in materia di immigrazione dall’UE. In linea di massima, la visione che gli italiani hanno dei migranti varia con il miglioramento o il peggioramento della situazione economica nazionale.

La realtà non è così semplice come sembra. I CAS – Centri di Accoglienza Straordinaria – è una delle principali istituzioni che determinano il futuro degli immigrati a Bologna. Nel CAS Mattei, un ex carcere, vivono circa duecento persone divise in minuscole stanze a gruppi di dodici. Alcuni di loro sono in campagna solo da pochi mesi, altri ci vivono da anni. La maggior parte di loro lavora sfruttata da agenzie e cooperative nei magazzini logistici, come l’Interporto di Bologna, o come rider per Glovo o Deliveroo. Altri sono disoccupati e non vedono prospettive future. Le condizioni in cui vivono sono state notevolmente aggravate dalla pandemia: “Viviamo in camere da letto, o container, con poca ventilazione. La temperatura non viene mai misurata, né ai migranti né agli operatori che entrano ed escono dal centro continuamente, giorno e notte. Siamo stati testati solo una volta e non è stata intrapresa alcuna azione nonostante molti di noi siano risultati positivi al Covid. Viviamo tutti costantemente esposti al pericolo del contagio e non sappiamo se ci faremo vaccinare o quando” protestano.

Molti di loro non hanno un medico o un codice fiscale, quindi non hanno la possibilità di essere curati adeguatamente. Chi si rivolge al medico della struttura deve poi rivolgersi ad altri servizi sanitari pagando le cure con la propria paghetta, senza possibilità di rimborsi o sconti. Chi non lavora non può nemmeno permettersi la corsa in autobus per raggiungere l’ospedale, rendendo impossibile ricevere un’adeguata assistenza medica.

Il Coordinamento Migranti, una delle piattaforme che più ha sostenuto i residenti dei TAS negli ultimi anni, aggiunge che la mancanza di risorse e la disorganizzazione nei centri di accoglienza è un problema molto interiorizzato nell’amministrazione italiana, anche prima della pandemia. “Per loro è una corsa ad ostacoli continua. I permessi di soggiorno, che di solito sono utili solo per un anno o meno, arrivano troppo tardi, quando stanno per scadere. E i costi amministrativi di questi permessi escono dalle tasche dei migranti stessi. Non c’è nessun aiuto. Chiediamo inoltre che tutti abbiano la possibilità di frequentare corsi di formazione e di italiano, poiché senza di essi è impossibile per loro continuare una vita al di fuori di questi tipi di centri».

Alcuni residenti si sentono ricattati anche dagli operatori del centro: “Se non ci presentiamo nell’ora e nel giorno richiesti, verranno prelevati i 75 euro mensili a cui abbiamo diritto. Ogni giorno nel campo ci sono episodi di razzismo. Spesso ci chiamano con il nostro codice al posto del nome ed entrano nelle nostre stanze per rovistare tra zaini e valigie, mentre noi siamo assenti e a nostra insaputa. Non siamo schiavi”.

Gli abitanti di Mattei -quasi esclusivamente uomini- decisero di rinchiudersi nel centro per rivendicare la loro situazione davanti alla stampa e alle pubbliche amministrazioni. La risposta della Prefettura è stata la presentazione di un nuovo regolamento con il quale chi guadagna più di 500 euro al mese può essere espulso dal centro; dal momento che considerano questa paghetta sufficiente per iniziare una vita da soli in Italia. Tuttavia, questo regolamento ignora un decreto del governo, Cura Italia, che garantisce ai migranti la permanenza nei centri di accoglienza mentre continua l’emergenza COVID, anche in assenza di requisiti che consentano loro di rimanere in questi. Dal canto loro, i dirigenti del centro Mattei hanno più volte negato tutte le accuse.

L’emergenza COVID ha turbato molto la situazione occupazionale dei residenti Mattei. Oltre il 70% degli in età lavorativa lavora all’Interporto – Magazzino Logistico – di Bologna, dove aziende come DHL, GLS o Yoox li impiegano con contratti settimanali o addirittura giornalieri di 12 ore. “Siamo intrappolati in un ciclo estenuante senza fine. I permessi di soggiorno impiegano mesi per arrivare. Con la scusa del coronavirus, l’amministrazione italiana ci sta facendo pagare i permessi che scadono praticamente poco dopo averli ricevuti, quindi dobbiamo spendere ancora 500 euro per richiederne uno nuovo”, spiega Hamid.

Edafe è nigeriano e vive a Bologna da 6 anni. Prima della crisi del coronavirus, ha lavorato con una società di consegne, ma il 28 febbraio 2020 è stato licenziato sostenendo di aver rubato materiale dalle spedizioni, quando i colpevoli erano altri colleghi di rango superiore. “Alla fine, gli immigrati finiscono per essere razzisti tra di noi a causa del trattamento che riceviamo dagli italiani. In azienda oltre il 90% della forza lavoro sono immigrati, ma quelli che sono considerati i peggiori sono i neri”.

Shariful si alza da anni alle 5 del mattino per lavorare alla Bologna Cooking School, ma quando il ristorante ha dovuto chiudere i battenti a causa dell’emergenza sanitaria, il titolare ha dovuto chiudere la Scuola senza preavviso. “Passo il mio tempo a cercare lavoro ovunque. Ho lavorato 2 giorni per DHL perché hanno assunto molte persone a Natale e le condizioni di lavoro degli immigrati sono le peggiori che ho visto in tempo. Sanno che ci sono centinaia di immigrati che aspettano disperatamente alle loro porte contratti di soli 7 giorni e stanno sfruttando al meglio la situazione. Conosco anche colleghi che sono stati pagati solo la metà delle giornate lavorate. Ci sono continuamente momenti di razzismo; Non lo consiglio a nessuno” dichiara.

Le donne immigrate non vivono una situazione molto più positiva. Yoox è una delle aziende più apprezzate in Italia per la vendita di abbigliamento d’autore, e dispone di una delle aree più trafficate dell’Interporto di Bologna. Lo scorso novembre è stato lanciato un ultimatum a tutti i suoi dipendenti – per la maggior parte immigrati – dopo aver difeso il loro diritto ad avere turni che permettessero loro di prendersi cura dei figli quando non potevano andare a scuola: hanno preso i turni imposti dal 5 dalle 23:00 alle 23:00 oppure potrebbero restare a casa e perdere il lavoro. Yoox ritiene che questa sia una libera scelta riservata alle lavoratrici, proposta per fronteggiare l’emergenza COVID nei luoghi di lavoro. L’azienda fa finta di non vedere che praticamente tutti i suoi dipendenti sono donne e migranti, che se perdono il lavoro corrono il rischio di perdere il permesso di soggiorno o di non poter accedere alla cittadinanza, dopo anni di sacrifici.

A Bologna, come nel resto delle città del Paese, il lavoro a sostegno degli immigrati è molto carente da parte dello Stato a causa della novità del fenomeno migratorio e della mancanza di politiche precise. Per questo le associazioni e le ONG diventano il luogo di rifugio per gli immigrati che vedono violati i propri diritti. Arca di Noé è una delle cooperative più attive, poiché ha molti progetti in collaborazione con gli enti pubblici bolognesi ed europei: “La realtà lavorativa dei migranti è molto complicata con il coronavirus. Nessuna azienda vuole apprendisti perché non hanno più lo stesso reddito di prima della crisi. Assumono rifugiati solo quando c’è qualche tipo di sussidio pubblico coinvolto. Nonostante gli sforzi che l’amministrazione sta compiendo per soddisfare le esigenze degli immigrati in questi tempi difficili, molto resta da fare sul rapporto tra i due estremi. Il disinteresse e la mancanza di organizzazione per anni da parte dell’amministrazione ha generato negli stranieri animosità e scetticismo che sta generando un gap che sarà molto difficile da risolvere” confessano.

D’altra parte, la novità del massiccio fenomeno migratorio nel Bel Paese ha fatto sì che molti italiani siano minacciati da questa realtà. Ecco perché alcune cooperative come la Bolognese Baumhaus hanno creato progetti per incontrare entrambe le comunità, dove possono incontrarsi e condividere in modo più umano di quello fermentato dai partiti di estrema destra o dai media nazionali. “La società dei migranti e quella italiana sono molto frammentate. Raramente si vede un africano chiacchierare tranquillamente con un italiano, ed è questo che favorisce i luoghi comuni e gli odi infondati. È così che abbiamo deciso di creare Connettiamoci, una serie di incontri in cui entrambe le parti possono esprimere le proprie opinioni e condividere esperienze legate alla propria vita privata e alla propria visione della società. E l’accoglienza è molto positiva. Penso che dovrebbe essere qualcosa da sviluppare in tutta Italia. Ci farebbe molto bene a tutti” propongono da Baumhaus.

Article written by: Nora Aragón

Photos by: Nora Aragón

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s