THE BOOM OF IMMIGRATION IN CONTEMPORARY EU AND ITALY

Articles

Five years ago, in the summer of 2015, Europe faced its biggest migration crisis since the Second World War. Hundreds of thousands of desperate people fleeing war and economic hardship tried to reach the continent. The largest group of migrants making the perilous journey came from Syria, where four years of civil war had forced them to flee. President Bashar al-Assad’s forces had increased their attacks on opposition strongholds and the so-called Islamic State was gaining strength. But people from many other countries, including Afghanistan, Iraq, Pakistan and Eritrea, also left their homelands in search of a better future in Europe. Faced with an unprecedented migration influx, Chancellor Angela Merkel’s government decided to open Germany’s borders, and almost a million migrants claimed asylum there. Following this policy, other European countries like Italy, Spain, Greece or France relaxed their reception measures for migrants and refugees.

Since then, flows of people awaiting a better future have come to the Old Continent. Whatever their reasons for traveling to Europe, their main concern is the reunification with their family -from which they have had to separate at a certain point in their trip or have had to leave behind in their country of origin.

Since the beginning of the 21st century there has also been a unification in the desire of foreigners to move to Germany or France. Having refugees very high expectations concerning the employment in Germany, whereas the motivation for going to France resides in the assimilation of a culture that for many is already known -especially for those who come from Francophone countries-.

Specialists and social workers have realised also that once migrants arrive to their desired destination in Europe, they mainly focus on solving their job needs, and don’t usually worry too much about participating in recreational activities where they could meet with national citizens, which would help them considerably in their integration into the country. Rather, they tend to spend more time with people who belong to their same country, culture or religion. The German government -one of the most advanced European governments in social policies- admits that there’s still a lot to be done regarding mainly the inclusion of women and children, promoting quality programs where they can meet their social, educational and recreational needs.

However, countries where migration has not been historically so common, such as Spain, Italy, Greece, Portugal or other Mediterranean countries, as well as Eastern European countries such as Bosnia, Hungary or Romania, have faced this wave of arrival of foreigners in another way. Without too clear policies or laws regarding the reception of migrants, and with high unemployment rates, these countries have been overwhelmed by the daily arrival of large numbers of migrants who arrive at their borders after long journeys. The ignorance of foreign cultures, as well as an enormous deficit in social policies, has caused that both citizens and the political-social system have spread in many cases an unfounded hatred of migrants that does not help at all a good development of these countries. In Italy, since 2019, the arrival of migrants to the country has decreased, both by sea and by land, either due to a lack of expectations in the country for foreigners and new migration policies (much more restrictive for applicants for humanitarian protection since Salvini came to power).

In September 2020, the European Commission proposed a plan for member states to share the responsibility for asylum seekers under a “compulsory solidarity mechanism”. European Commission President Ursula von der Leyen said upon announcing the plan: “Migration is complex, the old system to deal with it in Europe no longer works“. The EU’s migration system has come under increasing pressure in recent years, member states who do not want to volunteer to house more migrants could instead take charge of deporting rejected asylum seekers. This plan appeared when a devastating fire at the Moria refugee camp on the Greek island of Lesbos, left around 12,000 people homeless. Ahead of the proposal, the UN Refugee Agency and the International Organization for Migration urged the EU to respect the fundamental right to seek asylum: “The current policy is unworkable, untenable and often carries devastating human consequences.”

The new pact could come into effect by 2023, with new regulations, some of which address the screening of asylum seekers and crisis situations. The most contentious element of the plan would impose a legal obligation on each member state to host an assigned number of refugees and help in other ways under “mandatory solidarity.” In return, each state would receive €10,000 from the EU per adult taken. The Commission previously said that solidarity can mean not just taking migrants in, but also, for example, sending medical supplies or equipment where it is needed. Screenings could relate to checking for arrivals who are unwell, or for people who have been classified as a security risk. It could also mean subjecting migrants to a preliminary assessment to exclude those who allegedly have no basis for an asylum claim, as Germany has proposed. Five years after the 2015 migration crisis forced European countries to reckon with new waves of asylum seekers, annual “irregular arrivals ” are down to 140,000 a year. However, EU members remain deeply divided on how to manage asylum procedures. EU leaders have often touted bloc-wide solidarity, but have never made it mandatory as proposed in the plan. Countries such as Hungary, the Czech Republic and Austria have consistently opposed any measure to force countries to take in refugees.

————————————————————————————————————————————-

Cinque anni fa, nell’estate del 2015, l’Europa ha dovuto affrontare la più grande crisi migratoria dalla seconda guerra mondiale. Centinaia di migliaia di persone disperate in fuga dalla guerra e dalle difficoltà economiche hanno cercato di raggiungere il continente. Il gruppo più numeroso di migranti che ha intrapreso il pericoloso viaggio proveniva dalla Siria, dove quattro anni di guerra civile li avevano costretti a fuggire. Le forze del presidente Bashar al-Assad avevano aumentato i loro attacchi alle roccaforti dell’opposizione e il cosiddetto Stato islamico stava guadagnando forza. Ma anche persone provenienti da molti altri paesi, tra cui Afghanistan, Iraq, Pakistan ed Eritrea, hanno lasciato le loro terre in cerca di un futuro migliore in Europa. Di fronte a un flusso migratorio senza precedenti, il governo della cancelliera Angela Merkel ha deciso di aprire i confini della Germania e quasi un milione di migranti ha chiesto asilo qui. Seguendo questa politica, altri paesi europei come Italia, Spagna, Grecia o Francia hanno allentato le loro misure di accoglienza per migranti e rifugiati.

Da allora, nel Vecchio Continente sono giunti flussi di persone in attesa di un futuro migliore. Qualunque siano le ragioni del loro viaggio in Europa, la loro preoccupazione principale è il ricongiungimento con la loro famiglia, dalla quale si sono dovuti separare a un certo punto del viaggio o hanno dovuto lasciare nel loro paese di origine.

Dall’inizio del secolo XXI c’è stata anche un’unificazione nel desiderio degli stranieri di trasferirsi in Germania o in Francia. Avere profughi aspettative molto alte riguardo l’occupazione in Germania, mentre la motivazione per andare in Francia risiede nell’assimilazione di una cultura che per molti è già nota -specialmente per chi proviene dai paesi francofoni-.

Gli specialisti e gli assistenti sociali si sono anche resi conto che una volta che i migranti arrivano nella destinazione desiderata in Europa, si concentrano principalmente sulla soluzione delle loro esigenze lavorative e di solito non si preoccupano troppo di partecipare ad attività ricreative dove potrebbero incontrare i cittadini nazionali, il che aiutarli notevolmente nella loro integrazione nel paese. Piuttosto, tendono a trascorrere più tempo con persone che appartengono al loro stesso paese, cultura o religione. Il governo tedesco, uno dei governi europei più avanzati nelle politiche sociali, ammette che c’è ancora molto da fare per quanto riguarda principalmente l’inclusione di donne e bambini, promuovendo programmi di qualità dove possono soddisfare i loro bisogni sociali, educativi e ricreativi.

Tuttavia, paesi in cui la migrazione non è stata storicamente così comune, come Spagna, Italia, Grecia, Portogallo o altri paesi del Mediterraneo, nonché paesi dell’Europa orientale come Bosnia, Ungheria o Romania, hanno affrontato questa ondata di arrivi di stranieri in un altro modo. Senza politiche o leggi troppo chiare sull’accoglienza dei migranti e con alti tassi di disoccupazione, questi paesi sono stati travolti dall’arrivo quotidiano di un gran numero di migranti che arrivano alle loro frontiere dopo lunghi viaggi. L’ignoranza delle culture straniere, nonché un enorme deficit nelle politiche sociali, ha fatto sì che sia i cittadini che il sistema politico-sociale abbiano diffuso in molti casi un odio infondato dei migranti che non aiuta affatto un buon sviluppo di questi paesi. In Italia, dal 2019, gli arrivi di migranti nel Paese sono diminuiti, sia via mare che via terra, sia per mancanza di aspettative nel Paese per gli stranieri che per nuove politiche migratorie (molto più restrittive per i richiedenti protezione umanitaria da Salvini è salito al potere).

Nel settembre 2020, la Commissione europea ha proposto un piano per gli Stati membri per condividere la responsabilità dei richiedenti asilo nell’ambito di un “meccanismo di solidarietà obbligatoria”. La presidenta della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha detto all’annuncio del piano: “La migrazione è complessa, il vecchio sistema per affrontarla in Europa non funziona più“. Il sistema migratorio dell’UE è stato sottoposto a crescenti pressioni negli ultimi anni, gli Stati membri che non vogliono offrirsi volontariamente per ospitare più migranti potrebbero invece farsi carico del rimpatrio dei richiedenti asilo respinti. Questo piano è apparso quando un devastante incendio nel campo profughi di Moria, sull’isola greca di Lesbo, ha lasciato circa 12.000 persone senza casa. In vista della proposta, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni hanno esortato l’UE a rispettare il diritto fondamentale di chiedere asilo: “L’attuale politica è impraticabile, insostenibile e spesso comporta conseguenze umane devastanti”.

Il nuovo patto potrebbe entrare in vigore entro il 2023, con nuove normative, alcune delle quali affrontano lo screening dei richiedenti asilo e delle situazioni di crisi. L’elemento più controverso del piano imporrebbe l’obbligo legale a ciascuno Stato membro di ospitare un numero assegnato di rifugiati e di aiutare in altri modi in base alla “solidarietà obbligatoria”. In cambio, ogni stato riceverebbe 10.000 euro dall’UE per adulto prelevato. La Commissione ha affermato in precedenza che solidarietà può significare non solo accogliere migranti, ma anche, ad esempio, inviare forniture mediche o attrezzature dove è necessario. Gli screening potrebbero riguardare il controllo di arrivi che non stanno bene o di persone che sono state classificate come un rischio per la sicurezza. Potrebbe anche significare sottoporre i migranti a una valutazione preliminare per escludere coloro che presumibilmente non hanno basi per una domanda di asilo, come ha proposto la Germania. Cinque anni dopo che la crisi migratoria del 2015 ha costretto i paesi europei a fare i conti con nuove ondate di richiedenti asilo, gli “arrivi irregolari” annuali sono scesi a 140.000 all’anno. Tuttavia, i membri dell’UE rimangono profondamente divisi su come gestire le procedure di asilo. I leader dell’UE hanno spesso propagandato la solidarietà a livello di blocco, ma non l’hanno mai resa obbligatoria come proposto nel piano. Paesi come l’Ungheria, la Repubblica ceca e l’Austria si sono costantemente opposti a qualsiasi misura per costringere i paesi ad accogliere rifugiati.

Written by Nora Aragón

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s