How was immigration in Italy in the 20th century?

Articles

Photography cover by Imco Brouwer – 1985

We have talked about the Italian emigrants who left for a better life in the United States. But what happened next in Italy? Was Italy a source of reception for migrants before the great migration wave of 2015 – driven by the war in Syria -?

Italy, for most of its history, has been a country of emigration and it is estimated that between 1876 and 1976 more than 24 million people left, to the point that today we speak of great emigration or Italian emigration.

Throughout this period, the phenomenon of immigration had been almost non-existent, except for migrations due to the consequences of the Second World War, such as the Istrian exodus –in which thousands of citizens from Croatia and the Balkans migrated to central and southern Italy once the communist government of Tito was established after the Second World War-or the return of Italians from the former colonies of Africa. However, these phenomena didn’t present substantial problems of integration from a social or cultural point of view. In Italy the phenomenon of immigration began to wane decisively only in the sixties, once the economy began to improve exponentially after the postwar years.

The flow of foreigners entering began to take shape only towards the end of the 70s, both for the “open door policy” practiced by Italy, and for more restrictive policies adopted by other countries. In 1981, there was calculated the presence of 321,000 foreigners. A year later, in 1982, a first regularization program for undocumented immigrants was proposed, while in 1986 the first law on the subject was passed with which the government tried to guarantee the same rights for non-EU workers and Italian workers. Thanks to these measures, in the 90s the number of foreigners growed exponentially.

This led to the arrival in August 1991 in Ancona and Bari of ships carrying tens of thousands of Albanian refugees that left their country just after the communist government was dissolved, which led to a major economic collapse amid widespread political and social unrest in the country. Italy was not prepared at the time for a such an abrupt arrival, which made it take several weeks for the authorities and social services to take charge of all those Albanian citizens. Most of them were detained in a sports stadium without adequate food, water, or access to bathrooms.  Within several weeks most of the migrants were deported to Albania.  Their harsh treatment was criticised by human rights organisations and the Pope, but was justified by the Italian government as necessary to deter further irregular migration from the ex-soviet country.

The cities who received the vast majority of inmigrants in the XX century and still have the highest rate of incomers in all Italy are Rome, Milano, Turin, Brescia, Naples and Florence. And the three main nationalities of origin were Morocco, Romania and Albania.

In 1998 the Turco-Napolitano law was approved, which discouraged illegal immigration and established, for the first time in Italy, temporary detention centers for foreigners that were subjected to expulsion orders. After a few years, in 2002, the Bossi-Fini law provided the possibility of the immediate expulsion of illegal immigrants by the public force.

A few years later, around 2005, Italy started to be a destination for many Africans of various nationalities who, for one reason or another, began to see Italy as a country to stay in, despite the fact that until then it had been more a nation of passage than of residence. Gustave arrived to the country in 2008, coming from Cameroon. In his case it was a study trip: “I applied for a course in the UK, but the required admission number was already reached and I was proposed the same course in Italy. So I came here. Italy is gradually getting into the minds of Cameroonians now due to vocational training and business. In Cameroon we usually don’t look up to Italy as a dream destination or greener pastures ideal location. For me, I think it was destiny what brought me to Italy. I don’t regret it.”

For Farid, a Syrian doctor who came to finish his Medicine studies in Bologna in 2007, Italy has been a very pleasant surprise: “I came with a scholarship from my university in Damasco, because I was about to study an specialization course. At first it was strange that they accepted me in Italy, given that the most common destinations to emigrate to from Syria used to be the UK, France and Germany… Then I’ve never really lived a situation of discrimination in this country. Specially given the close ambience I’ve been working in all these years. Hospitals are a very rigorous work place”.

Something that foreigners arriving in Italy always complain about though, is the slowness and inefficiency of the public administration. “It hasn’t changed that much since I came. The workers change but the system is very much similar if not worse. I came from Cameroon already with a legal formation background, which gave me the intellectual instruments to meandering into the society, but many other people that arrive have to deal with very difficult situations” explains Gustave. “In my view, it has changed a lot for the better; because all the time that you had to spend waiting in long queues for any kind of document some years ago, now we just have to send it via Poste Italiane” expresses Farid.

In 2015, a new wave of migration would begin in Italy caused by two events: the war in Syria and the closure of traditional migration routes in Turkey, which caused many foreigners to start using Italy as a country of arrival in Europe.

————————————————————————————————————————————–

Com’era l’immigrazione in Italia nel XX secolo?

Abbiamo parlato degli emigranti italiani partiti per una vita migliore negli Stati Uniti. Ma cosa è successo dopo in Italia? L’Italia era una fonte di accoglienza per i migranti prima della grande ondata migratoria del 2015 – guidata dalla guerra in Siria -?

L’Italia, per gran parte della sua storia, è stata un paese di emigrazione e si stima che tra il 1876 e il 1976 siano partite più di 24 milioni di persone, al punto che oggi si parla di grande emigrazione o emigrazione italiana.

In tutto questo periodo il fenomeno dell’immigrazione è stato pressoché inesistente, fatta eccezione per le migrazioni dovute alle conseguenze della seconda guerra mondiale, come l’esodo istriano – in cui migliaia di cittadini dalla Croazia e dai Balcani migrarono verso il centro-sud Italia una volta che il governo comunista di Tito è stato istituito dopo la seconda guerra mondiale o il ritorno degli italiani dalle ex colonie d’Africa. Tuttavia, questi fenomeni non presentavano problemi sostanziali di integrazione dal punto di vista sociale o culturale. In Italia il fenomeno dell’immigrazione iniziò a diminuire in modo deciso solo negli anni Sessanta, quando l’economia iniziò a migliorare in modo esponenziale dopo gli anni del dopoguerra.

Il flusso di stranieri in entrata ha cominciato a delinearsi solo verso la fine degli anni ’70, sia per la “politica delle porte aperte” praticata dall’Italia, sia per le politiche più restrittive adottate da altri paesi. Nel 1981 è stata calcolata la presenza di 321.000 stranieri. Un anno dopo, nel 1982, fu proposto un primo programma di regolarizzazione per gli immigrati irregolari, mentre nel 1986 fu approvata la prima legge in materia con la quale il governo cercava di garantire gli stessi diritti ai lavoratori extracomunitari e ai lavoratori italiani. Grazie a queste misure, negli anni ’90 il numero di stranieri è cresciuto in modo esponenziale.

Ciò ha portato all’arrivo nell’agosto 1991 ad Ancona e Bari di navi che trasportavano decine di migliaia di rifugiati albanesi che hanno lasciato il loro paese subito dopo lo scioglimento del governo comunista, il che ha portato a un grave collasso economico in mezzo a disordini politici e sociali diffusi nel paese. L’Italia all’epoca non era preparata a un arrivo così repentino, che ha richiesto diverse settimane alle autorità e ai servizi sociali per farsi carico di tutti quei cittadini albanesi. La maggior parte di loro è stata detenuta in uno stadio sportivo senza cibo, acqua o accesso ai bagni adeguati. In poche settimane la maggior parte dei migranti è stata deportata in Albania. Il loro duro trattamento è stato criticato dalle organizzazioni per i diritti umani e dal Papa, ma è stato giustificato dal governo italiano come necessario per scoraggiare ulteriori migrazioni irregolari dal paese ex sovietico.

Le città che hanno accolto la stragrande maggioranza dei migranti nel XX secolo e hanno ancora il più alto tasso di immigrati in tutta Italia sono Roma, Milano, Torino, Brescia, Napoli e Firenze. E le tre principali nazionalità di origine erano Marocco, Romania e Albania.

Nel 1998 è stata approvata la legge Turco-Napolitano, che scoraggiava l’immigrazione clandestina e istituiva, per la prima volta in Italia, centri di detenzione temporanea per stranieri sottoposti a provvedimento di espulsione. Dopo alcuni anni, nel 2002, la legge Bossi-Fini prevedeva la possibilità di espulsione immediata dei clandestini da parte della forza pubblica.

Qualche anno dopo, intorno al 2005, l’Italia inizia ad essere meta di tanti africani di varie nazionalità che, per un motivo o per l’altro, cominciarono a vedere l’Italia come un Paese in cui restare, nonostante fino ad allora fosse stata più una nazione di passaggio che di residenza. Gustave è arrivato nel Paese nel 2008, proveniente dal Camerun. Nel suo caso si è trattato di un viaggio di studio: “Ho fatto domanda per un corso nel Regno Unito, ma il numero di ammissione richiesto era già stato raggiunto e mi è stato proposto lo stesso corso in Italia. Quindi sono venuto qui. L’Italia sta gradualmente entrando nelle menti dei Camerunesi ora a causa della formazione professionale e degli affari. In Camerun di solito non guardiamo all’Italia come a una destinazione da sogno o a un luogo ideale per pascoli più verdi. Per me, penso che sia stato il destino a portarmi in Italia. Non me ne pento. “

Per Farid, medico siriano venuto per terminare gli studi di Medicina a Bologna nel 2007, l’Italia è stata una piacevolissima sorpresa: “Sono venuto con una borsa di studio della mia università di Damasco, perché stavo per frequentare un corso di specializzazione. All’inizio era strano che mi accettassero in Italia, visto che le destinazioni più comuni dove emigrare dalla Siria erano Regno Unito, Francia e Germania … Allora non ho mai vissuto realmente una situazione di discriminazione in questo Paese. l’ambiente intimo in cui ho lavorato in tutti questi anni. Gli ospedali sono un luogo di lavoro molto rigoroso “.

Una cosa di cui si lamentano sempre gli stranieri che arrivano in Italia è la lentezza e l’inefficienza della pubblica amministrazione. “Non è cambiato molto da quando sono arrivato. I lavoratori cambiano ma il sistema è molto simile se non peggiore. Vengo dal Camerun già con un background di formazione giuridica, che mi ha fornito gli strumenti intellettuali per entrare nella società, ma molte altre persone che arrivano hanno a che fare con situazioni molto difficili” spiega Gustave. “Secondo me è cambiato molto in meglio; perché tutto il tempo che qualche anno fa dovevi aspettare in lunghe file per qualunque tipo di documento, ora non ci resta che inviarlo tramite Poste Italiane”, esprime Farid.

Nel 2015 sarebbe iniziata una nuova ondata migratoria in Italia causata da due eventi: la guerra in Siria e la chiusura delle rotte migratorie tradizionali in Turchia, che hanno fatto sì che molti stranieri iniziassero a utilizzare l’Italia come paese di arrivo in Europa.

Written by Nora Aragón

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s